Garante regionale dei diritti della persona
del Veneto
Attività di promozione, protezione e pubblica tutela dei minori di età
Carla Garlatti è la nuova Autorità nazionale Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza

E' Carla Garlatti, attuale Presidente del Tribunale per i minorenni di Trieste, la nuova Autorità nazionale Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza.
Alla nomina hanno provveduto d'intesa, secondo le disposizioni della legge istitutiva di tale organo di garanzia dei diritti dei minori di età (cfr. art. 2, l. 12 luglio 2011, n. 112) il Presidente della Camera dei deputati e la Presidente del Senato.
Di tale nomina ne viene data notizia attraverso un comunicato stampa congiunto dei Presidenti della Camera e del Senato, diffuso attraverso il sito web del Senato (Link), e che qui di seguito viene riportato in forma integrale.
*****

CASELLATI-FICO: CARLA GARLATTI È IL NUOVO GARANTE DELL'INFANZIA

Il nuovo presidente dell'Autorità Garante per l'infanzia e l'adolescenza è Carla Garlatti.

Lo hanno deciso d'intesa i Presidenti di Senato della Repubblica e Camera dei deputati, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico, al termine di una procedura che ha previsto un avviso pubblico di manifestazione d'interesse.

Dopo aver vagliato con grande attenzione tutte le candidature pervenute, la scelta dei Presidenti delle Camere è caduta su Carla Garlatti.

Nata a Udine nel 1957, Carla Garlatti è magistrato dal 1986 ed è attualmente presidente del Tribunale per i minorenni di Trieste. In precedenza ha ricoperto l'incarico di giudice nei Tribunali di Udine, Milano, Venezia e Padova, di consigliere presso la Corte d'appello di Venezia e di magistrato addetto all'Ufficio legislativo del ministero della Giustizia dal 2011 al 2016.

"Abbiamo scelto un profilo di alta competenza e professionalità. Siamo certi che Carla Garlatti saprà interpretare al meglio un ruolo delicato come quello del Garante per l'infanzia e l'adolescenza, ancor di più in un momento complesso come quello che il Paese sta attraversando. A lei vanno i nostri sentiti auguri di buon lavoro", così i Presidenti di Senato e Camera commentano la decisione odierna.




« Torna all'elenco News
Condividi su: